Apple Tutti gli articoli

Perde gli AirPods sui binari della metropolitana: il metodo geniale per recuperarli

Credits: Ashley Mayer, Twitterin foto: Credits: Ashley Mayer, Twitter

Fin dall’uscita sul mercato gli auricolari AirPods di Apple hanno colpito tutti per via del loro design, ma non si possono decisamente definire oggetti semplici da conservare integri dato che, piccoli come sono, i più distratti rischiano di dimenticarli in giro e i più goffi di perderli dall’orecchio. Quest’ultimo scenario è esattamente quello che ha visto per protagonista la statunitense Ashley Mayer, che tra tutti i posti in cui poteva lasciarsi sfuggire uno dei costosi auricolari ha optato proprio per uno dei più pericolosi: le rotaie della metropolitana di New York.

A quanto pare non si tratta di un inconveniente che capita così di rado, anzi: recentemente il servizio ferroviario di San Francisco ha riferito di aver ricevuto ben 80 denunce di scomparsa nel solo 2018 e di aver ideato un dispositivo di recupero proprio per casi come questo. Le stazioni di metropolitana e treno del resto sono tra i luoghi più frequentati dai pendolari — una categoria che tutti i giorni si affida al potere alienante della musica portatile e che dunque circola dotata di cuffie o auricolari alle orecchie, AirPods inclusi. Mayer però — dopo aver interpellato i gestori della metropolitana di New York ed essersi sentita rispondere che l’operazione di recupero le avrebbe richiesto di rimanere fisicamente presente per due ore con gli operatori — ha deciso di provvedere da sola al salvataggio, documentando la missione su Twitter.

Fortunatamente l’idea di calarsi tra i binari non le è passata per la mente: la giovane si è semplicemente recata in un supermercato per acquistare una scopa e del nastro biadesivo col quale ha avvolto il capo di scopa privo di setole; tornata sul luogo del misfatto ha poi calato il dispositivo di fortuna appoggiandolo all’auricolare perduto, che grazie al peso ridotto è stato recuperato tranquillamente, sporco ma integro e funzionante.

Guarda l’articolo originale