Social, web e tecnologia Tutti gli articoli

Oggetti cambiano colore con inchiostro del futuro

Immaginate di avere un paio di scarpe che possono cambiare colore ogni giorno, per poterle abbinare praticamente a qualsiasi vestito. Questo è solo un esempio per descrivere una nuova ricerca del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del MIT. Hanno lavorato al cosiddetto progetto PhotoChromeleon e messo a punto un inchiostro speciale che permette di cambiare colore agli oggetti che vengono esposti a particolari tipi di luce.

Si possono creare in questo modo personalizzazioni potenzialmente infinite. Ecco come spiega questo progetto il primo autore dello studio, Yuhua Jin:

Questo speciale tipo di colorante potrebbe consentire una miriade di opzioni di personalizzazione che potrebbero migliorare l’efficienza produttiva e ridurre gli sprechi. Gli utenti possono personalizzare i loro effetti personali e l’aspetto su base giornaliera, senza la necessità di acquistare lo stesso oggetto più volte in diversi colori e stili.

Come si ottiene questo inchiostro? Gli scienziati hanno sciolto in una vernice trasparente i coloranti ciano, magenta e giallo. Si procede poi con l’illuminazione delle superfici trattate con una luce UV e in questo modo si ottiene la piena saturazione. Per consentire di vedere il risultato, i ricercatori hanno applicato tutto questo su modelli 3D inseriti in una scatola con un proiettore e luci UV. In questo modo è possibile letteralmente attivare e disattivare i colori con un programma per computer.

Non solo scarpe: questa tecnica è stata usata su un’auto, un camaleonte giocattolo e altri oggetti. Ovviamente il nuovo colore non rimane attivo per sempre, per ora dura tra i 15 e i 40 minuti. Gli scienziati continueranno a lavorare a questi coloranti fotosensibili, per un continuo miglioramento della tecnologia, ampliandone anche il modo in cui vengono fabbricati.

Se vuoi aggiornamenti su Oggetti cambiano colore con inchiostro del futuro, inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Guarda l’articolo originale